Curare le fobie

chiama lo psicologo

Soffri di fobie e vuoi essere aiutato da uno Psicologo specialista?
La dott.ssa Finelli può aiutarti ad affrontare e superare le tue fobie in specifiche sedute individuali. Richiedi un’appuntamento per uno dei suoi studi a Bologna e provincia.

paolafin@gmail.com

Principali metodi di cura delle Fobie

  • Psicoterapia Biosistemica per un lavoro integrato sulla consapevolezza
  • Tecniche di ristrutturazione cognitiva di pensieri e credenze disfunzionali
  • Metodi di rilassamento per il benessere psico-corporeo
  • Esercizi mirati di respirazione, fra cui il metodo Buteyco
  • Forme di espressione ed elaborazione artistico-creative (creta, disegno, collage) su pensieri, vissuti ed emozioni.

Caratterizzazione delle Fobie

Le fobie in genere sono Disturbi che implicano una forte sofferenza psicologica soggettiva e una menomazione del funzionamento sociale o lavorativo come conseguenza dell’ansia esperita, quando la persona portatrice della fobia si ritrova a “incontrare” l’oggetto o la situazione causa del disturbo.

La Fobia specifica è quel Disturbo rappresentato da una angoscia persistente e marcata, che può sembrare irragionevole o sproporzionata per stimoli precisi o situazioni contestualizzate.

Tra le fobie più diffuse ricordiamo:

  • la paura dei luoghi pubblici e degli spazi aperti (agorafobia);
  • la paura degli spazi chiusi (claustrofobia);
  • la paura delle altezze (acrofobia);
  • la paura dei serpenti (ofidiofobia);
  • la paura dei ragni (aracnofobia);
  • la paura dei cani (cinofobia).
  • la paura del sangue e delle ferite (emofobia);
  • la paura di essere sepolti vivi (tafofobia);

Il terrore che scaturisce dal contatto/visione con l’oggetto o la situazione in questione provoca la messa in atto del meccanismo difensivo dell’Evitamento.

C’è da dire che si può tranquillamente convivere con una fobia e non avere problemi invalidanti tanto da convincersi di non soffrire di alcun problema serio, se, per esempio, una persona affetta da una estrema paura dei topi vive in un’area metropolitana, in quanto raramente, forse mai, avrà contatto diretto con l’oggetto della sua fobia.

Il discorso è diverso se la stessa persona facesse un lavoro dove il contatto con l’oggetto fobico può essere frequente (giardiniere, servizi pulizia fognaria o raccolta rifiuti).

O ancora: se una persona affetta da paura estrema nel prendere l’aereo ha una sede lavorativa fissa vicino a casa può convivere tutto sommato con il suo disagio. Se però alla stessa persona venisse proposto un avanzamento di carriera che dovrebbe portarla a viaggiare spesso in aereo, la fobia potrebbe fare desistere dall’accettare la proposta e far entrare la persona in frustrazione e crisi.

per informazioni sulla cura delle fobie