Curare i disturbi psicosomatici

chiama lo psicologo

Soffri di disturbi psicosomatici? Vorresti risolvere il problema aiutato da uno Psicologo specialista?
Le sedute della dott.ssa Finelli saranno il valido aiuto per l’accompagnamento nella comprensione e gestione  di qualsiasi tipo di disturbo psicosomatico.

paolafin@gmail.com

Principali metodi di cura dei Disturbi Psicosomatici

  • Psicoterapia Biosistemica per un lavoro integrato sulla consapevolezza
  • Tecniche di rilassamento per l’attenuazione dei sintomi psico-corporei (Training Autogeno di Shultz e Rilassamento Progressivo di Jacobson)
  • Esercizi mirati di respirazione, fra cui il metodo Buteyco
  • Mindfulness (Protocollo formale e proposte informali)
  • Forme di espressione ed elaborazione artistico-creative (creta, disegno, collage) su pensieri, vissuti ed emozioni.

I Disturbi Psicosomatici sono tutte quelle forme patologiche che si situano tra lo psichico e il corporeo, determinate dall’accumulo nel nostro corpo di un profondo senso di sofferenza e disagio psicologico che si esprimono attraverso forte distress e/o ansia patologica.

E’ da precisare che le manifestazioni organiche dei disturbi psicosomatici non sono prodotte “con intenzionalità” né tantomeno sono riconducibili a fenomeni di simulazione, bensì sono veri e propri disagi, realmente presenti. Questi sintomi organici possono portare ad un grado di sofferenza molto elevato in diverse aree del proprio funzionamento, come la vita affettiva, sociale, lavorativa e familiare.

In presenza di un disturbo di somatizzazione, la capacita di mentalizzazione e simbolizzazione pare essere congelata dal carico dell’angoscia, che sembra riuscire ad emergere unicamente attraverso la preoccupazione per uno stato di malattia organica.

Il corpo diventa così strumento privilegiato per comunicare col suo linguaggio il sovraccarico di tensioni e di dolore emotivo, laddove tanta è la fatica di entrare in contatto col proprio mondo interno e nominare gli affetti.

In caso di disturbo psicosomatico il carico psicofisiologico accumulato attiva il sintomo corporeo che può riguardare:

  • disturbi dell’apparato urogenitale: irregolarità mestruali, disfunzioni dell’erezione e/o dell’eiaculazione, anorgasmia, enuresi;
  • disturbi dell’apparato gastrointestinale: nausea, meteorismo, vomito, diarrea, colite, ulcera, gastrite, intolleranze;
  • disturbi dell’apparato cardiocircolatorio: aritmia, ipertensione, tachicardia;
  • disturbi dell’apparato muscolare: cefalea muscolo-tensiva, crampi, torcicollo, artrite;
  • disturbi della pelle: psoriasi, dermatite, prurito, orticaria, secchezza cutanea e delle mucose, sudorazione eccessiva;
  • disturbi pseudo-neurologici: sintomi da conversione come alterazioni della coordinazione e/o dell’equilibrio, ipostenie localizzate, difficoltà a deglutire, afonia, labirintiti, amnesie;

per informazioni su come curare i disturbi psicosomatici